Skip to content

Centro Cuore, Santagati: “Nella Settimana Santa l’arrivo dei macchinari per inizio lavori”

27 marzo 2010

 

di David Crucitti – Il giorno dopo la tanto attesa firma del contratto che da il via ai lavori per la realizzazione del Centro Cuore in riva allo Stretto, il Direttore Generale Mario Santagati si dice soddisfatto per il tanto discusso evento. –afferma- “E’ stato un giorno memorabile quello di ieri pomeriggio, al Comune di Lamezia è stato concluso un iter che durava da tre anni, l’azienda ospedaliera aveva avanzato delle richieste che la ditta vincitrice dell’appalto ha accettato e confermato proprio ieri con la firma che consegna definitivamente il cantiere”. –continua- “Si inizierà con la delicata fase di ristrutturazione materiale del secondo piano degli Ospedali Riuniti, reparto gia sgombero e pronto ad essere messo a disposizione della tecnologia che il nostro Centro Cuore ospiterà”.

Nei mesi scorsi avevamo già pubblicato minuziosamente cosa ospiterà il nuovo reparto, ma riproponiamo più nei particolari che tipo di tecnologia sarà a disposizione di una grossa fetta di reggini che non dovrà più emigrare per interventi al cuore.

Il Centro Cuore verrà realizzato al secondo piano dei Riuniti su una superficie di circa 3.400 metri quadrati. E’ quanto di più tecnologicamente avanzato esistente sul mercato, le aziende vincitrici dell’appalto concorso, la GE Medical System multinazionale americana e la Edilminniti sono altamente specializzate nel settore, e oltre la già super-tecnologica sala operatoria del centro di Cardiochirurgia, è prevista anche una sala operatoria ibrida che potrà essere utilizzata per qualunque tipo di attività medica o interventistica e per chiunque ne avesse necessità. Ma non è tutto, nella sala di elettrofisiologia sarà prevista anche la predisposizione per un sistema di navigazione cateteri guida a punta magnetica e a radiofrequenze per l’attraversamento delle occlusioni totali croniche del sistema vascolare periferico chiamato Niobe. Tale sistema in questo momento è in uso soltanto in centri altamente specializzati come quello del San Raffaele di Milano e negli Stati Uniti. Diciassette mesi è il tempo di esecuzione per la totale realizzazione del reparto.

Santagati continua “Non credo che i lavori possano cominciare già da lunedì, siamo in piene elezioni, ma sicuramente la Settimana Santa sarà protagonista almeno del trasporto delle attrezzature per l’edilizia, gru, materiali. ecc.”.

Diciassette sono i mesi che trascorreranno prima di consegnare a Reggio Calabria qualcosa che le spetta di diritto, il miraggio che per molti assomigliava a utopia, ma che oggi, è finalmente realtà. Un bacino di utenza come quello di Reggio e provincia  è stato costretto da sempre a fare le valige e partire in giro per l’Italia, con i costi e le difficoltà che ne conseguono, ricchi o poveri, politici o gente comune, l’unica soluzione era la partenza, il cuore fa brutti scherzi, e non ha colori o preferenze. Centro Cuore a Reggio Calabria è la meritata ricompensa a tanto lavoro, è la consacrazione di una società in via di evoluzione, ed è soprattutto l’indiscussa volontà dei politici reggini di portare questa città ai livelli che merita.

David Crucitti

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: