Skip to content

“Angeli”: la parte invisibile di noi stessi.

13 marzo 2015

di -David Crucitti-  Gr11046856_1062891040404210_7493091473907790693_nandi emozioni ieri sera al cinema Multisala Lumiere di Reggio Calabria per la presentazione del film “Angeli” di Salvatore Bonaffini,  giovane regista siciliano sempre molto attento a tematiche di natura sociale, morale e questa volta anche spirituali. “Angeli” si svolge per lo più all’interno di un cimitero, e prende spunto dalla condanna a morte di un innocente accusato  dell’omicidio di una bambina nel periodo dell’Impero Romano. Leggi tutto…

Annunci

Il Natale che vorremmo

27 dicembre 2014

150674_4021289741780_70494025_ndi David Crucitti – E con l’atto d’ amore più intenso e indelebile della storia dell’umanità, nasce la magia del Natale, il giorno unico per eccellenza, il giorno che ha cambiato i calendari, il giorno in cui tutto riparte da zero. Il 25 dicembre non si festeggia la nascita di Gesù, ma la si ricorda, la si vive, ci si immedesima in quella famiglia così unica quanto necessariamente terrena, in quel piccolissimo nucleo familiare che unisce l’uomo e il divino in una sola carne, la famiglia per eccellenza, la famiglia da osservare, da imitare più che adorare. Un uomo, una donna e un bambino. Tre persone distinte e separate che hanno partecipato loro malgrado, e ognuno a modo loro, al progetto incomprensibile di salvezza. Leggi tutto…

Reggio: rapina in abitazione in via Pio XI, due anziani malmenati

7 maggio 2014

imagesEO2ORNMV

 di –David Crucitti- Paura e sconcerto ieri sera in via Pio XI. Intorno alle 20:30 due individui con passamontagna e guanti in lattice si sono introdotti nell’abitazione di due anziani coniugi che al momento erano in casa. Malmenati violentemente e impauriti i due pensionati hanno assistito inermi al soqquadro della loro casa che ha fruttato preziosi e denaro contante ai due criminali presumibilmente di nazionalità italiana. Leggi tutto…

I semafori al porto specchio di una Reggio abbandonata

14 novembre 2012

di David Crucitti – Sono trascorsi più di due mesi, ed ancora i semafori che da pentimele o dall’autostrada immettono in città, non sono stati incredibilmente ripristinati. Il punto in questione è un incrocio di assoluta delicatezza, perché quei semafori gestiscono il traffico, appunto, sia da chi entra in città dall’autostrada, che da chi, dalla zona nord di Reggio, deve arrivare al centro. Il rischio è altissimo, il problema era già stato sollevato da Roberto Leo, consigliere di centro-destra dell’ex giunta comunale, ma nulla è cambiato, i semafori in questione continuano la loro inutile attività lampeggiando un fastidioso ed assolutamente pericoloso giallo intermittente. Leggi tutto…

Omosessualità e Chiesa: il funerale di chi ha intuito l’amore

7 marzo 2012

di David Crucitti – L’omosessualità non è una colpa, ma una realtà presente nell’uomo fin dall’inizio dei tempi, e proprio per questo motivo è parte integrante non solo del contesto sociale e culturale, ma anche di quello religioso. Sul piano scientifico gli studiosi si dividono nel cercare di capire, e soprattutto dimostrare, se si nasce o si diventa omosessuali. Ma non importa, perché al di là di cosa dice la scienzallll, rimane un verità assoluta e inappellabile: la libertà di ogni singolo essere umano. Gli omosessuali vengono concepiti, nascono, vivono e muoiono, come ogni creatura, e come ogni creatura hanno il diritto di essere religiosi o non esserlo al di la della loro vita privata. Ecco perché le polemiche sterili sulla funzione funebre del cantautore Lucio Dalla hanno confermato che non è la Chiesa a muovere guerra all’omosessualità, ma bensì il contrario. Leggi tutto…

Reggio: alla scuola dell’infanzia “Graziella” i vandali fanno da padroni

15 febbraio 2012

di David Crucitti – La scuola dell’infanzia denominata  “Graziella” in zona Sbarre, fa parte della direzione didattica P. Galluppi, una realtà importante per quanto riguarda la zona sud della città. Proprio il suddetto asilo sito in via Graziella, presenta delle problematiche che vanno al di fuori della gestione del plesso scolastico, perché quello che non dovrebbe accadere si verifica esattamente all’esterno del nuovo asilo inaugurato nel settembre 2007, accade di notte, e sotto gli occhi di inermi cittadini. Già da tempo sono arrivate segnalazioni che vedono come protagonisti in negativo dei giovanotti di “belle speranze”, che non avendo nulla da fare hanno deciso di fare dell’esterno dell’asilo Graziella il loro quartier generale. Poche idee, poca organizzazione, e via a distruggere tutto quello che li circonda. Ma quello che li circonda non appartiene a loro, ma alla comunità cittadina, e soprattutto ai bambini che quotidianamente frequentano quel luogo a volte malsano ed impresentabile. Senza pietà per il bene comune hanno divelto i blocchi di protezione automobilistici, i marmi delle scale di accesso alla scuola e le piante. Stessa sorte per le panchine ubicate nella piazzuola di accesso, distrutte e deturpate. Leggi tutto…

Costa Concordia: se il capitano fosse stato il batterista

18 gennaio 2012

 di David Crucitti – Si intuiva che il 2012 sarebbe stato un anno difficile per molti aspetti, tra loro concomitanti e tutti insieme devastanti per le società mondiali, ma mai ci saremmo immaginati di vedere una nave da crociera, con più di quattromila persone a bordo, semi affondata. Scene, quelle viste sui media, da film con effetti speciali super moderni, ma la realtà supera la fantascienza, ed il mondo ha assistito a come una città galleggiante potesse affondare in poche ore e a come, diversamente dal Titanic, il comandante non è stato l’ultimo a lasciare la sua nave, ma ne è fuggito tra i primi. Nessuno può accusare o giudicare il comportamento del soggetto in questione, l’amore per la vita, o meglio, il terrore della morte giustifica qualsiasi azione. La storia passata e recente conferma il su citato comportamento “anomalo”.

 I testimoni oculari degli avvenimenti catastrofici sono la fonte principale per ogni tipo di ricostruzione dei fatti. Alcuni di loro affermano, come già accaduto per lo tsunami in Indonesia, che per il terrore della morte, alcuni genitori siano fuggiti lasciando i propri figli al loro destino. Sembra assurdo da credere, ma è successo molte volte. Leggi tutto…